Uh Magazine plays Jack Savoretti - Back To Me

Ignazio Apolloni ░ Astromalie e Meteora del 1967



ASTROMALIE (ANOMALIE ASTRONOMICHE)
 
Tutto ci riconduce al nulla. E dopo?
Ossi di miliardi d’uomini mummificati
                          calcificati
                          pietrificati;
pietre sgretolate in polvere anemonica
                             fluttuante
                              genitale;
geni gracili, rovelli di scintille spastiche
                              traslucide
                              vaporose:
il tutto ha finalmente i suoi confini.

 
Solenni onoranze all’uomo-tutto
vollero gli eretici sul rogo.
L’immortale creatore di Dio
bruciò la sua passione col suo corpo.

 
Alla scoperta del nulla. E dopo?

Cordoni insufflatori di meteore
avvolgono eccentrici la terra
alla ricerca della verità nel Cosmo.

 
Briciole di tempo ricalcano le fasi della creazione
creando nel contempo un ordine nuovo. E dopo?

 
Quando le leggi cosmiche saranno conosciute,
e spenti i vulcani, e modificato il corso delle stelle,
sarà felice l’uomo?

 
Confini più vasti si apriranno al suo sapere, al suo potere
al suo dominio del mondo, dopo il nulla.

 
Alla ricerca della felicità nella sapienza
l’uomo è lanciato nella corsa contro il tempo
per conoscerne le leggi, per modificarne il corso,
per sedersi su trono dell’Universo. E dopo?


LA METEORA DEL 1967

Quando le meteore grandineranno fiotti di lava
e il fuoco sanguinerà i bacilli della ionosfera
larve di cellule atrofiche cospargeranno gli oceani,
ma già l’uomo avrà inebriato gli spazi.

Atomi di stelle senza fine
gravitano nell’universo senza mete
nel disordine caotico della natura astrale.
Giambi totemizzati raucano angosciose parodie feline,
rullii estatici, o violenti di paura.
Giurano i sacerdoti anni di luce,
predicano la fedeltà cosparsa di bugie – piene di coro;
ed amano le creature il loro amplesso
sospese ad una ragnatela di lussuria
da cui plagano nella materia amorfa.

 
Agoni cosmici squillano le trombe.
Argani di diluvi scompongono il creato
ed io lo cerco per possederlo tutto,
per non avere fine.

 

░ da: Ignazio Apolloni La Grandezza dell’uomo│© 1972 Uh-Book in preparazione a cura di Alessandro Gaudio con una divagazione ziffiana di V.S.Gaudio