Post

UH Magazine▐ PLUS

Isabelle Huppert ▬ La luce di sotto

│by V.S. Gaudio
La luce di sotto, il bagliore didonico Quando c’è in atto la mutazione, lieve, dell’iconicità che sta sopra e del codice ristretto che sta all’inizio, la complessità di Isabelle Huppert, che è in rapporto con la carica connotativa che sta al secondo posto dell’esagramma dell’I Ching[i], il fuoco che ne costituisce il trigramma superiore, viene (prima era recarsi) . Ma questo venire , che ha una costituzione fisica fatta con i geni e gli indici costituzionali del recarsi, porta il trigramma del fuoco sotto il tuono, tanto che la chiarezza, che è come quella del “mezzogiorno in cui si vedono le stelle intorno al polo”, si fa, di conseguenza, ambigua e c’è, come sintagma visivo, la componente espressiva della faccia, la parola “Ppe”, che, adesso, significa “massa d’acqua” e che a tratti si commuta in “Mo”, che significa “piccole stelle” ma anche “schiuma” e “pioggerella”[ii]. E’ questo che vediamo in Isabelle Huppert: un tratto visivo, la relazione tra grande e piccolo vis…

V.S.Gaudio ha chiesto la rimozione del post "La Briccona Fourierista"……..

IL PODICE STUART E L'OTTAVO ROSSO.

Marisa Aino ⁞ Il "punctum di Attila" del poeta e la melanzana ripiena

Carolina Kostner e la dottrina del ponte ►I nuovi oggetti d'amore