Uh Magazine plays Jack Savoretti - Back To Me

La fica nascosta all’"Alien Bar" █ Armando Adolgiso


scommettiamo che sono riuscito a scrivere un poemetto senza usare una sola parola mia?…no, non il sonetto delle massaggiatrici che vi ho letto l'altra sera, un'altra cosa. Questa fu addirittura pubblicata su di una rivista letteraria d'avanguardia, si chiamava "Probabile", mi pare nel 1980, appena in tempo perché poco dopo chiuse i battenti…come sarebbe a dire naturalmente? Ma tu guarda che screanzati!…intitolai la composizione "Su vari modi d'intendere la fica"…ah, diccidicci, v'interessa mo'!…la chiamai così perché tutto ruotava intorno a quella lì: i suoi possibili significati simbolici o allegorici e le sue rime con altissimi versi danteschi. Sì, perché cominciai proprio usando il rimario della Divina Commedia del Prof. Dr. Luigi Polacco, edito dalla Hoepli nel 1919. Lo sapete, non bado a spese, quanno ce vò ce vò! Poi mica è finita qui, usai tutte le parole italiane che hanno al centro la fica…intendo che hanno nel corpo quelle quattro lettere insieme, infine, tornai da Dante per chiedergli la conclusione della mia fatica. Mi servivano parole ispirate al colore nero, il perché v'è chiaro no?, e che contenessero qualche rimando alla durezza poiché dopo aver tanto parlato di quella cosa lì…le trovai le parole giuste. Parole che il Poeta dice dopo avere letto la famosa iscrizione nera sulla porta, sempre aperta, dell'Inferno. Così costruii quel poemetto prefabbricato in tre parti. Perché fare 'na fatica bestia a scrivere cose nuove, basta rimontare quanto c'è in giro, si lavora meno e si fa bella figura…nooo!…non se ne parla nemmeno…macché! è tardi e non ho voglia…nemmeno se mi pagate!…come? un'altra birra grande?…beh…sì vabbè.

Fin che alla terra ciascuna s'abbICA
Sopragridar ciascuna s'affatICA
Tosto che parton l'accoglienza amICA.
Ed elli a me: Quell'è l'anima antICA
Non dico tutti, ma posto ch'il dICA
Ben si convien che la lunga fatICA
S'ammusa l'una con l'altra formICA
Come le rane innanzi alla nimICA
Poi si vince tutto, se ben si notrICA
Di penter sì mi punse ivi l'ortICA
Nelle femmine sue più è pudICA

Aerificazione
Amplificazione
Beatificazione
Bonificazione
Calcificazione
Carnificazione
Certificazione
Chiarificazione
Classificazione
Diversificazione
Domificazione
Edificazione
Escarificazione
Esemplificazione
Eterificazione
Falsificazione
Fortificazione
Fruttificazione
Gelatificazione
Giustificazione
Gratificazione
Identificazione
Lignificazione
Lubrificazione
Macchinificazione
Mellificazione
Mercificazione
Mistificazione
Modificazione
Mollificazione
Mortificazione
Mummificazione
Nidificazione
Nitrificazione
Notificazione
Ossificazione
Pacificazione
Palificazione
Panificazione
Parificazione
Personificazione
Petrificazione
Pianificazione
Prolificazione
Qualificazione
Ramificazione
Rappacificazione
Rettificazione
Riedificazione
Riqualificazione
Riunificazione
Saccarinificazione
Santificazione
Saponificazione
Scarnificazione
Scorificazione
Significazione
Solidificazione
Sopraedificazione
Specificazione
Stratificazione
Suberificazione
Testificazione
Unificazione
Vanificazione
Verificazione
Versificazione
Vetrificazione
Vinificazione

Queste parole di colore oscuro
Vid'ïo scritte al sommo d'una porta;
per ch'io: "
Maestro, il senso lor m'è duro"



Tutti i testi di questa sezione sono registrati in SIAE alle sezioni Olaf o Dor.
Per riprodurli, due congiunte condizioni: citare l'autore e la sigla del sito.