Uh Magazine plays ♫ Norah Jones - Chasing Pirates

Uh Magazine plays ♫ Norah Jones - Chasing Pirates

Mario Grasso ░ La scomparsa di Sgalambro


COMMOZIONE PER LA SCOMPARSA

DI SGALAMBRO  

di Mario Grasso

Manlio Sgalambro non è più. Lo scrivo con profonda commozione ma col rispetto che si deve alla maestà della morte aggiunto a quello verso una delle personalità di prim’ordine del pensiero filosofico dei nostri tempi. Lo scrivo con parole disadorne e informali, come si deve proprio nelle occasioni che più emozionano.
   Altrove, forse, in altro momento qualche ricordo mi sarà più facile evocarlo, per saluto e omaggio a un intellettuale che non brigava per farsi amare. Eppure sono in tanti quelli che gli debbono tanto. Forse senza aver compreso che la grandezza di Manlio Sgalambro non era nella misura del suo essere schivo e sarcastico. A volte è la parte burbera a celare quella affabile di un uomo, salva restando l’indole influenzata dalle vicende che il mondo circostante propina, tra una comparsa e l’altra, sul palcoscenico della breve avventura terrena di tutti.
  Pietro Barcellona, che gli fu amico ed estimatore, non risparmiava occasione per affermare, ogni volta che si parlava di  Sgalambro : “Manlio è uno dei maggiori filosofi nostri contemporanei”. E Barcellona non sprecava complimenti. Adesso viene da pensare, con rinnovato rammarico a quest’altra grande personalità catanese che ci ha  - a sorpresa - lasciato alcuni mesi fa, lui sì, Pietro Barcellona, nel pieno di vorticose attività sociali itineranti, nonché stimolanti slanci di speranze da settantenne più giovane di tanti giovani, all’opposto di Sgalambro, il maestro che rimpiangiamo oggi, che non fu ottimista né cultore di speranze lungo i suoi pensosi e solitari percorsi speculativi che lo hanno accompagnato fin oltre la soglia dei novanta.